Jubaea chilensis (Molina) Baill.

Pianta sempreverde, a crescita lenta, può raggiungere 25 m di altezza ed un fusto di 1,3 m in diametro. Foglie composte, di tipo pennato, lunghe fino a 5 m, con numerosi segmenti lineari rigidi e coriacei, pendule ed arcuate verso il basso, di colore verde intenso lucido nella pagina superiore e verde grigiastro in quella inferiore. Infiorescenze rosso porpora, lunghe circa 1,5 m con fiori sia maschili che femminili. Bacche tondeggianti di 2-3 cm, giallo pallido, eduli.

Habitat: palma tipica di valli fluviali aride, ai piedi delle Ande e di pendii aperti in regioni stagionalmente secche. Tollera temperature fino ad alcuni gradi sotto lo zero.

Distribuzione: spontanea solo nel Cile centrale, lungo la costa del Pacifico; comune un tempo tra 32° e 35° Sud, ora è ridotta a poche popolazioni di piccole dimensioni.

Status: categoria IUCN-Vulnerabile (VU=Vulnerable). Gli esemplari vengono abbattuti per ricavarne vino di palma, ridotto fino ad ottenere uno sciroppo dolce noto come “miele di palma”.

Azioni di conservazione: buona parte delle popolazioni sono ora incluse in aree protette. Per la tutela e la conservazione della specie la legge cilena ne limita oggi la raccolta della linfa e sono incentivati nuovi sistemi di raccolta non distruttivi.

Letto 29 volte Ultima modifica il Martedì, 08 Maggio 2018 12:53