Deserto

Il Deserto insiste su di una piattaforma di travertino con uno strato poco profondo di terreno argilloso ammendato con sabbia; gli affioramenti della roccia madre e la moltitudine di sassi e macigni rendono lo scenario molto suggestivo. Esso ospita la  parte più consistente della collezione di succulente, che conta centinaia di esemplari. Qui le piante sono suddivise per macroaree geografiche di provenienza e vengono gestite secondo due diversi metodi colturali. Una parte è coltivata in vaso, le piante cioè sono sistemate all’aperto nella bella stagione, interrando i vasi al suolo, e vengono ricoverate in serra in autunno e in inverno; tra queste sono presenti specie di provenienza africana (generi Aloe L., Euphorbia L., Kalanchoe Adans., Crassula L., etc.) ed altre di origine americana (generi Ferocactus Britton & Rose, Mammillaria Haw., Astrophytum Lem., etc.). L’altra parte della collezione è collocata permanentemente all’aperto, è coltivata in pieno campo, senza alcun riparo dalle intemperie, ed è visitabile tutto l’anno. Con queste piante è stato possibile ricostruire il loro ambiente “naturale” e sperimentare la loro capacità di acclimatazione al clima locale.

Un primo nucleo di piante del Deserto proveniente dall’Orto Botanico di Palermo fu messo a dimora nel 1991; l’area venne ampliata con nuovi esemplari aggiunti nel 1995-96 e nel 2005, sotto la Direzione del Prof. Silvano Onofri.  

La collezione ospita esemplari appartenenti ai generi Agave L., Aloe L., Dasylirion Zucc., Euphorbia L., Kalanchoe Adans, Yucca L., Crassula L., Ferocactus Britton & Rose, Mammillaria Haw., Astrophytum Lem., Opuntia Mill. ed alcuni generi opunzioidi come Cylindropuntia (Engelm.) F.M. Knuth, Corynopuntia F.M.Knuth, Cumulopuntia F.Ritter, Tephrocactus Lem., etc., generalmente poco coltivati. Alcune specie, particolarmente ben acclimatate, si propagano spontaneamente da seme: è il caso del Dasylirion serratifolium (Kaw. ex Schult. f.) Zucc. che caratterizza fortemente l’intera collezione.

L’Orto Botanico accoglie una ricca collezione di piante succulente (“piante grasse”) articolata in diverse sezioni distinte in base al tipo di gestione e alla collocazione; oltre al Deserto, altre succulente sono ospitate nella Serra dei Patriarchi, nella Serra Astolfi e nel Costone roccioso.


eng  Desert

The Desert insists on a travertine rock; a multitude of rocks and boulders give rise to a very picturesque setting. It is home to the largest part of the collection of succulents, with hundreds of samples divided by geographic area of origin.

The collection is partly cultivated in pots, that is, the plants are placed outdoors in the summer, burying the pots on the ground, and are recovered in the greenhouse in autumn and winter. Among the collection we find species of African origin (Aloe L., Euphorbia L., Kalanchoe Adans., Crassula L., etc.) and of American origin (Ferocactus Britton & Rose, Mammillaria Haw., Astrophytum Lem., etc.). The other part of the collection is permanently cultivated in the open field, without any shelter from adverse climatic conditions, and can be visited all year round. With these plants it was possible to reconstruct their "natural" environment and experiment on their ability to acclimatize to the local climate.

A first nucleus of desert comes from the Palermo Botanical Garden and it was planted in 1991; the area was enlarged adding new specimens in the years 1995-96 and 2005, under the direction of Prof. Silvano Onofri

The collection houses specimens belonging to the genera Agave L., Aloe L., Dasylirion Zucc., Euphorbia L., Kalanchoe Adans, Yucca L., Crassula L., Ferocactus Britton & Rose, Mammillaria Haw., Astrophytum Lem., Opuntia Mill. and some generally rarely cultivated opuntioid genera as Cylindropuntia (Engelm.) F.M. Knuth, Corynopuntia F.M.Knuth, Cumulopuntia F.Ritter, Tephrocactus Lem., etc. Some species, particularly well acclimatized, spread spontaneously by seed: it is the case of Dasylirion serratifolium (Kaw. Ex Schult. F.) Zucc., which strongly characterizes the entire collection.

The Botanical Garden houses a rich collection of succulent plants ("succulents") organized into several distinct sections based on the type of management and location; in addition to the rocky ridge, other succulents are housed in the Greenhouse of Patriarchs, in the Greenhouse Astolfi and in the Desert.

 

 

Read 983 times

Deserto