Flora dei Travertini

Numerose sono le specie erbacee spontanee che crescono sugli affioramenti naturali di travertino diffusi in tutto l'Orto, come le antiche canalette ed il costone roccioso; si tratta di specie xerofile, la cui presenza è legata alle condizioni di aridità del substrato. Tra di esse alcune specie rare e ad elevata valenza locale, come Ajuga chamaepitys (L.) Schreb., Allium chamaemoly L., Asphodeline lutea L. Rchb. ed alcune orchidacee come Ophrys sphegodes Mill. subsp. passionis (Sennen) Sanz & Nuet e l'ibrido spontaneo Ophrys x grottaliensis P. Delforge & C. Delforge.

Ad arricchire questa flora naturale è Santolina etrusca (Lacaita) Marchi & D'Amato, una specie rarissima e a rischio di estinzione nel Lazio, introdotta nell'ambito di un progetto di conservazione ex situ di specie della flora spontanea del viterbese, che ha previsto la raccolta di semi, conservati nella Banca del Germoplasma, ed il prelievo di esemplari in natura, in particolare da Bassano in Teverina, messi a dimora su un affioramento di travertino per ricostruirne l'ambiente di provenienza.


 

eng  Travertine flora

Numerous spontaneous herbaceous species grow on the natural travertine outcrops and spread throughout the garden like the ancient channels and the rocky ridge; these are xerophilous species, whose presence is linked to the arid conditions of the substrate. Among them we find some rare and highly local species, such as Ajuga chamaepitys (L.) Schreb., Allium chamaemoly L., Asphodeline lutea L. Rchb., some orchids such as Ophrys sphegodes Mill. subsp. passionis (Sennen) Sanz & Nuet, and the spontaneous hybrid Ophrys x grottaliensis P. Delforge & C. Delforge.

What enriches this natural flora is Santolina etrusca (Lacaita) Marchi & D'Amato, a very rare and endangered species in Latium, introduced as part of an ex situ conservation project of species of the spontaneous flora of Viterbo. Within the project, both seeds and specimens were collected in nature, the former kept in the Germplasm Bank and the latter planted on a travertine outcrop to reconstruct the original environment.

 

 

 

Read 813 times